Mi chiamo Marco Ilardi e sono un imprenditore napoletano che opera nel settore informatico.

Sono nato a Napoli ma sono vissuto sempre a San Giorgio a Cremano in provincia di Napoli, la città di Massimo Troisi ed Alighiero Noschese.

Dopo la maturità scientifica ed una parentesi ad Ingegneria Aeronautica ho intrapreso gli studi in Scienze Geologiche e sono diventato geologo nel 1996.

marco ilardi università di napoli
Marco Ilardi

Nel periodo post laurea ho frequentato l’Università degli Studi di Napoli Federico II – Dipartimento di Scienze della terra –  come ricercatore e sviluppatore software geologico.

Sono entrato nello staff del Professor Tommaso De Pippo, ed ho fatto parte del Gruppo nazionale di Geografia fisica e geomorfologia.

E’stato proprio l’incontro col professore che ha trasformato quella che era una semplice passione in un lavoro.

Il professore infatti era responsabile anche del centro elaborazione dati del Dipartimento di scienze della terra, nonchè appassionato esperto di programmazione in basic già sviluppava software geologici per se stesso e per i colleghi del dipartimento.

Il nostro incontro è servito ad entrambi: al professore per aggiornarsi con le nuove tecnologie che stavo studiando e a me per cominciare a realizzare cose serie. Gli sarò sempre grato per questo.

Al centro elaborazione dati sono entrato in contatto con apparecchiature hardware che non erano ancora arrivate nelle case dei comuni mortali: da potentissimi PC a plotter a sistemi di elaborazione dati satellitari con tecnologia GIS che il professore riusciva ad ottenere addirittura prima che fossero disponibili sul mercato: ho lavorato sui migliori server al mondo prima che uscissero.

All’università col professore ho cominciato a scrivere i primi software di carattere geologico convertendo alcuni software scritti da lui in Basic nel nuovo Visualbasic 5 con interfaccia grafica più accattivante e realizzandone alcuni nuovi in particolare nell’ambito di progetti PON con la realizzazione Campania: ho scritto un nuovo software per la regione per l’ubicazione delle cave in Campania e tutte le caratteristiche morfologiche e topografiche delle stesse. Praticamente la prima google map personalizzata del nostro territorio.

La passione per la programmazione divenne cosi’ forte che nel 1999 rispondendo ad un annuncio sul giornale, sostenni dei colloqui presso IBM.

Superai i colloqui preliminari pur non essendo laureato in informatica e decisi di mollare tutto e seguire a tempo pieno la mia grande passione: la programmazione software.

All’IBM ho avuto modo di essere affiancato da grandi professionisti, i miei amici Flavio Lello e soprattutto Giannandrea che mi hanno insegnato tanto di questo mestiere.

Dopo l’IBM ho avuto altre esperienze come programmatore presso altre piccole aziende dove mi sono fatto le ossa prima di decidere di passare allo step successivo: l’imprenditoria.

Dal 2015 sono il titolare di un nuovo progetto: la Micropedia che nasce come una azienda ibrida tra una software house ed una web agency perchè sviluppando applicazioni web le ottimizziamo anche per i motori di ricerca facendole diventare tutt’uno con il sito internet e con una portabilità che va dal desktop al laptop al mobile.

Secondo me nell’era del web e soprattutto del mobile che è diventato il mezzo più utilizzato, scrivere una applicazione che non funzioni su tutte le piattaforme e consenta una interazione lato social e marketing è come utilizzare ancora la macchina da scrivere o il block notes: se sei sul web devi esserci in maniera seria.

Per quanto riguarda i miei hobby amo suonare la chitarra da quando ero al liceo. I miei artisti preferiti sono Pino Daniele, Vasco Rossi ed Edoardo Bennato, mentre tra gli stranieri adoro i Dire Straits ed il mio mito ovviamente è Mark Knopfler.

Altra grande passione è il calcio che ho sempre seguito da piccolo e sono un grande tifoso del Napoli.

Mi piace tanto viaggiare ed ho visitato tutti i continenti tranne l’Australia. Altra cosa che mi piace e che abbino anche ai viaggi è la buona cucina. Questo è uno dei motivi per cui i miei migliori clienti oggi sono soprattutto chef stellati 🙂

Da una quindicina d’anni vivo in una stupenda città alla periferia opposta di Napoli rispetto a San Giorgio: la città di Pozzuoli, che mi piace tantissimo.

La amo a tal punto che ho messo in piedi un progetto senza scopo di lucro chiamato Pozzuolimania, per valorizzarne le bellezze artistiche e le attività commerciali che possono registrarsi gratuitamente e creare una propria vetrina virtuale per promuoversi sul territorio. Progetto nato per sfizio che però pur dedicandomi poco ha circa 4000 followers su facebook.

In questo blog intendo parlare di tutte le mie passioni, delle mie opinioni personali su fatti di cronaca e ovviamente anche delle mie esperienze professionali in Micropedia.